Creare Una Rete Virtuale Privata tra due Server in Cloud grazie a Digital Ocean

creare una rete privata virtuale

Abbiamo parlato alcuni mesi fa del servizio di Server Virtuale in Cloud di Digital Ocean, startup di New York che offre servizi VPS in Cloud, con la quale collaboriamo già da tempo.

I servizi offerti sono veramente degni di nota e non solo lato performance ma soprattutto per l’accessibilita di prezzo.

Infatti con 5$ al mese, poco meno di 4€, è possibile scegliere il proprio server virtuale presso 4 datacenter (2 a New York City, 1 a San Francisco e 1 ad Amsterdam) a partire da una configurazione con 1 CPU dedicata, 1 GB di Ram, 20GB di spazio disco SSD e IP pubblico.
Il tutto personalizzabile con distribuzioni Linux che vanno da Ubuntu a CentOS, passando per Debian, Arch Linux e Fedora.

Ma non è di questo che vogliamo parlare, visto che è già stata fatta una recensione tempo fa.

Da oggi, infatti, su tutte le cosiddette “droplets” (termine che letteralmente significa goccioline nella “nuvola”) attivate nel datacenter NYC2 è possibile attivare una seconda scheda di rete, la quale non è collegata fisicamente a Internet e permette di attivare un IP privato che, opportunamente configurato con altre macchine virtuali,  permette di avere  una rete privata per lo scambio dati e che non impatta in termini di performance e costi.

Tale soluzione è ideale per chi necessita di avere più server e configurare cluster tra S.O. o repliche di database, il tutto completamente trasparente e compreso nel prezzo.

E’ doveroso precisare che altri provider di servizi simili prevedono VPN tra singoli server virtuali ma i costi sono decisamente superiori.

Con Digital Ocean, a partire da 5$, è possibile attivare il proprio server e in aggiunta attivarne un secondo come replica. Ma non è finita!

Il prezzo di 5$ è riferito all’utilizzo mensile della VPS, cioè solo se questa è “accesa”. Questo significa che se abbiamo due server configurati in VPN, mentre uno è sempre attivo per espletare i compiti tradizionali, il secondo è possibile accenderlo solo per effettuare un eventuale backup o sincronizzazione. Subito dopo, spegnendola di nuovo, continueremo a pagare solo per la macchina attiva.

Che dire, vale la pena dare un’occhiata ai servizi offerti da Digital Ocean e, siccome siamo testimoni dell’ottimo servizio erogato, ci permettiamo di consigliarvi di valutare un’eventuale migrazione. Il nostro STAFF è comunque sempre disponibile per guidarvi e aiutarvi eventualmente ne abbiate necessità.

Condividi su:Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestDigg this